Tag

, , , ,

Qual dìssono concento

Qual dìssono concento
che sorga d’aspro agone
d’Africo, d’Euro, Noto od Aquilone,
Amor m’infuria drento,
a cardo e a decumano,
e parmi, al risonar, sonoro Giano.
Bifronte! Frodolento:
è ’l suo respir procella
et ogne sua gio’ di pena ancella.
Amor, questo significarmi vuoi?
Quant’aspri son, cor mio, l’accenti tuoi!

Quant’aspri son, cor mio, l’accenti tuoi!
Ch’a dar di cozzo i nembi, a cento a cento
e pur a mille a mille,
sì non farebbono tante faville.
E’ sono quanti in cielo alati augei
e quante piangono di piova stille,
o quanti in liti d’or granei … di sabbia:
i’ son del mio dolor clessidra e gabbia.

I’ son del mio dolor clessidra e gabbia,
ma ’l calamaro – Amor divino mostro! –
tristo pregion d’inchiostro.
Dogliosa è ‘l dolo al core mio bufera,
doloso è ‘l duol che le mie carte annera.

Doloso è ‘l duol che le mie carte annera
e ’l cielo: i’ sfogo ’l mal ch’a l’alma incresce,
e ’l mal co l’alma n’esce.
Or apro a’ nembi furiosi mie porte
e vita i’ trovo e morte.

E vita i’ trovo e morte,
poi ch’a la prima segue l’altra in sorte,
u’ di Natura un vento
respira, o fiato d’homo o d’istrumento.
Et u’ non cläusura, u’ non è chiostro,
si spande – in cielo – un ostro
d’Amor. E mòre – ch’è suono ‘l mio lamento –
qual dìssono concento.

 

Quand’Amor più mi sagitta

Quand’Amor più mi sagitta,
quel ch’ho drento apare fora;
ogne humore discolora,
et il nero bianco pitta.

Caldo et gelo i’ non discerno,
se d’Amor mi fere l’arco:
primavera è state o ’nverno
et di pene i’ son sì carco,
ch’i’ non vedo u’ sii lo varco,
però manca è come dritta.

Quand’Amor più sagitta …

Mescil dunque bianco e rosso,
or che gioia eguale a tedio,
mescil fino e mescil grosso,
che non v’è più bon remedio
al sì duro et dolce assedio
de l’Amor che strali gitta.

Quand’Amor più sagitta …

Bacco e Amor, qual guerra fansi?
Portentoso è questo caso,
tutto è come per l’inanzi:
più che l’empio voto ’l vaso!
Sorge ’l sole ne l’occaso,
com’è Amor che drento ditta.

Quand’Amor più sagitta …

Vento è acqua, et terra foco,
flegma … sangue et atrabile,
pria poi, et seri’ ioco;
dice Amore ingrato e vile:
– Freccia a canchero simìle,
che ne ’l cor mi l’ho confitta! –

Quand’Amor più sagitta …

 

Vago mi prese ’l cor uno desìo

Vago mi prese ’l cor uno desìo
d’offrir a voi quel ch’ho più pretïoso.
– E che donar, diss’io,
più caro vi potrei? L’alma ch’è mia
donar i’ vi vorrei! –
I’ la richiesi al vento,
all’aure con gran voce …

Eco rispuose al duol con un lamento.
I’ dico a vui, mio ben: – Se dir con lei
parole in sorte aveste (i’ credo sia),
pregatela, ben mio,
«Alma, riedi al cor tuo doglioso!» –
Ma non è ’l cor più mio,
che sanza lei – sanz’ale! – i’ non son io.

 

Imitazione

Volevo donarti una cosa
prezïosa,
e, senza pensarci,
ho pensato alla mia
anima.
L’ho cercata
nel vento
e un dubbio m’assale:
se ti capitasse di parlarci,
così, per caso,
dille di tornare.